Dyer Brown finalizza il nuovo quartier generale da 18.000 m/f per Sappi in Nord America: NEREJ

Boston, MA Sottolineando l’impegno in espansione dell’azienda di design per il design sostenibile, il leader nazionale dell’architettura e degli interni Dyer Brown ha svelato una nuova sede di 18.000 s/f per il cliente abituale Sappi in Nord America, uno dei principali produttori attenti all’ambiente dei prodotti in fibra di legno.

Consociata dell’azienda globale nota per le innovazioni in fibra di legno grezza e ingegnerizzata, Sappi si è rivolta a Dyer Brown per reinventare il proprio posto di lavoro al 255 di State St. – che Dyer Brown aveva progettato in precedenza oltre un decennio fa. Con le idee per ridurre l’ingombro dell’ufficio e consolidare gli spazi del personale in un unico piano altamente funzionale con un orario flessibile, Sappi ha visto l’opportunità di sfruttare le capacità di progettazione del posto di lavoro di Dyer Brown e anche l’impegno dell’azienda per un design sostenibile.

Il tempismo non potrebbe essere migliore: Dyer Brown aveva appena completato un esercizio di visione per rinnovare e rafforzare il suo impegno per il design sostenibile, parte di un trio di obiettivi che guidano tutto il suo processo decisionale: design prima di tutto, diversità e sostenibilità.

Sappi ha chiesto a Dyer Brown di rinfrescare e aggiornare l’estetica della propria sede centrale per rappresentare al meglio la cultura aziendale, la missione e l’immagine del marchio. Il cliente ha anche sottolineato il suo interesse comune con il team di progettazione nel perseguire un risultato sano, ecosostenibile ed equo.

“Siamo molto fortunati ad avere l’opportunità di lavorare con Sappi per la seconda volta”, ha affermato Laurel Christensen, AIA, WELL AP, leader del design sostenibile di Dyer Brown. “Il loro punto di vista sull’importanza del design ecologico e della responsabilità ambientale è perfettamente in linea con il nostro, in effetti, abbiamo imparato così tanto lavorando insieme”.

Con il project manager di Dyer Brown Schuyler Pratt a coordinare lo sforzo, il team di progettazione ha perseguito strategie convenienti e a basso costo che massimizzano anche l’impatto visivo sui clienti in visita. Concentrandosi sulle aree vicino all’ingresso e alla reception, comprese le sale riunioni e una dispensa per il personale e un’area break, Dyer Brown ha introdotto pareti pieghevoli e retrattili per dividere le stanze in spazi collaborativi, combinate con una tavolozza prevalentemente neutra con colori ispirati al marchio.

All’ingresso, una sala di ricevimento circondata da pareti di muschio vivo crea un’immagine indimenticabile per la sede di Sappi, rafforzandone la missione e la cultura per il personale e i visitatori, mentre il design meno visibile facilita il flusso di lavoro e riduce il fabbisogno di materiale ed energia.

Il team di progettazione ha anche riutilizzato e ristrutturato il più possibile elementi architettonici e mobili e ha dato la priorità a finiture, materiali e installazioni ecocompatibili di produttori e linee di prodotti prevalutati: un’area di competenza in crescita per Dyer Brown, secondo Christensen. “Il nostro team ha condotto un ampio sforzo per rivedere completamente la nostra libreria di materiali, eliminando tutti i prodotti che contengono rischi noti per la salute umana e introducendo alternative nuove, più ecologiche e più sane”, ha affermato.

Questo ampio sforzo riflette il rinnovato e rafforzato impegno di Dyer Brown per la progettazione e la pratica sostenibili. Secondo Christensen, i leader dell’azienda hanno rivalutato non solo la loro missione, ma anche ogni principio fondamentale. Il processo ha portato al nuovo trio di obiettivi per l’azienda fondata più di cinque decenni fa, che funge da pietra miliare di oggi per tutti i processi decisionali.

“Abbiamo sempre considerato la sostenibilità un valore fondamentale e oggi vediamo questa ambizione con una maggiore attenzione e un insieme più ampio di strumenti”, ha affermato Christensen. “Adoriamo lavorare con clienti che sono allo stesso modo focalizzati sulla bioedilizia, sull’efficienza e sugli obiettivi di salute degli occupanti. Ora vogliamo puntare ancora più in alto: questo significa perseguire più clienti come Sappi, che danno priorità alle persone e al pianeta nei risultati organizzativi”.

Leave a Comment