Ecco cosa devono sapere le piccole imprese di Philadelphia sul leasing

Secondo un recente sondaggio condotto dalla piattaforma di networking aziendale Alignable, circa il 40% degli oltre 7.300 proprietari di piccole imprese intervistati ha dichiarato di non poter pagare l’affitto il mese scorso. Sfortunatamente, quel numero era aumentato di circa il 6% dal solo luglio.

Le aziende intervistate hanno citato una combinazione di fattori tra cui l’aumento degli affitti e l’aumento dei costi di forniture e manodopera.

Per i proprietari dall’altra parte dell’equazione, “sentono di andarsene [rent] è scivolato per un anno e mezzo e ha fatto tutto il possibile” durante la pandemia, ha detto Chuck Casto, capo della ricerca e delle comunicazioni di Alignable, in un’intervista alla CNBC il mese scorso. Ma i proprietari hanno dei mutui e hanno bisogno degli inquilini per pagare, ha detto.

È sicuramente un segnale inquietante. La stessa crisi degli affitti sta danneggiando le piccole imprese nell’area di Filadelfia? Ho parlato con due agenti immobiliari commerciali in città che rappresentano entrambi centinaia di piccole imprese e commercianti. Entrambi hanno convenuto che c’è stata molta volatilità nei loro mercati, con il risultato che alcune piccole imprese sono state costrette a lasciare le loro sedi.

“Una lavanderia a secco che conosco a Lower Merion è stata sfrattata dalla sua proprietà di recente perché non poteva pagare l’affitto”, afferma Damon Michels, un agente immobiliare con Keller Williams specializzato in immobili residenziali e commerciali sia sulla linea principale che anche nel centro Città. .

Kristie Bergey, un broker e proprietario di KB Experience, una società immobiliare di Filadelfia, afferma che a Filadelfia molti proprietari preferirebbero mantenere uno spazio libero piuttosto che avere un contratto di locazione a lungo termine con un piccolo commerciante, che potrebbe non farcela. parte inferiore.

“Il mercato immobiliare commerciale è chiaramente lento in molte parti della regione di Filadelfia”, afferma. “Ma non è che i proprietari diano una pausa ai loro inquilini”, ha aggiunto. “Preferiscono mantenere le proprietà e aspettare che l’inquilino giusto, come un noto ristorante o una catena, prenda quell’impegno”.

Bergey afferma che molti dei suoi clienti preferiscono affittare i propri spazi a strutture più “esperienziali”, come caffetterie, centri fitness o ristoranti.

“I proprietari sono diventati molto esigenti sui clienti su cui sono disposti a rischiare, soprattutto dopo quello che è successo”, dice. “Vogliono che un inquilino faccia qualcosa che non puoi semplicemente acquistare su Amazon.”

Quest’anno è diventato molto più difficile per una piccola impresa affittare proprietà commerciali o addirittura mantenere i contratti di locazione esistenti. Il sondaggio di Alignable ha rilevato che fino al 45% dei proprietari di piccole imprese afferma di pagare almeno il 50% in più di affitto rispetto a prima del COVID, con il 24% che segnala un raddoppio dell’affitto addebitato dai proprietari e il 12% afferma di “pagare più di tre volte di più ora rispetto a prima della pandemia.

Sfortunatamente, il governo della città offre scarso aiuto ai commercianti che affrontano queste sfide. Secondo un portavoce del Dipartimento del Commercio di Filadelfia, la città offre prestiti, istruzione, formazione, marketing e altri servizi per aiutare le aziende ad acquisire spazi commerciali. Tuttavia, il dipartimento non fornisce alle piccole imprese finanziamenti specifici per coprire o sovvenzionare l’affitto.

Quindi qual è la strategia migliore per una piccola impresa che cerca di controllare i propri costi di locazione in questi giorni di crescita economica lenta e inflazione elevata e convincere un potenziale proprietario che vale la pena rischiare?

Per cominciare, affermano entrambi gli agenti immobiliari, è importante fare le tue ricerche in modo da poter capire veramente la tua base di clienti e scegliere la posizione giusta con la fascia demografica giusta.

Inoltre, preparati a essere completamente trasparente con il tuo potenziale padrone di casa. Fornire informazioni operative storiche, rendiconti finanziari e dichiarazioni dei redditi sono requisiti comuni in modo che il proprietario possa sentirsi più a suo agio che la tua attività sarà in giro per un po’.

Preparati anche a impegnarti, poiché la maggior parte dei proprietari generalmente richiede un contratto di locazione minimo di cinque anni. Dovrai avere proiezioni ragionevoli che mostrino come sarai in grado di soddisfare le esigenze di un contratto di locazione durante quel periodo.

Le piccole imprese dovrebbero anche essere pronte a negoziare la condivisione di eventuali costi di costruzione o ristrutturazione, che sono sempre sul tavolo come parte di qualsiasi accordo. E se viene concesso un contratto di locazione, assicurati di concederti abbastanza tempo per organizzare i tuoi permessi e altri permessi con le autorità locali. In questo modo è possibile impostare il tempo di noleggio a partire dalla scadenza di tali permessi.

Tutte queste tattiche ti prepareranno a ottenere il miglior contratto di locazione commerciale possibile. Ma secondo Bergey e Michels, c’è una tattica ancora migliore se te lo puoi permettere: comprare.

“Certo, le tariffe sono un po’ più alte ora, ma se ti blocchi in un mutuo, sai comunque quale sarà la tua rata mensile e non cambierà”, dice Michels. “Quando acquisti, hai un maggiore controllo sui tuoi costi e puoi potenzialmente beneficiare dell’apprezzamento della proprietà”.

Bergey è d’accordo. “Fai sempre meglio a essere il capo di te stesso”, dice.

Leave a Comment