I prigionieri del NSW diventano celebrità di TikTok usando telefoni illegali nelle loro celle

I prigionieri australiani stanno diventando celebrità dei social media utilizzando telefoni di contrabbando per guadagnare fama su Internet da dietro le sbarre.

La scoperta che i detenuti utilizzano i social media all’interno delle carceri australiane per condividere parti della loro vita carceraria con un nuovo pubblico online ha portato a un’indagine da parte dei Correctional Services NSW.

I detenuti non possono possedere o utilizzare telefoni cellulari nei centri correzionali in tutta l’Australia, ma ciò non ha impedito ai malfattori di postare su piattaforme di social media come TikTok.

Video che glorificano la violenza, il crimine e la vita in prigione sono entrati nei feed dei media insieme ad altri video rap e dance apparentemente innocui.

I detenuti possono rischiare la proroga della pena fino a due anni se vengono sorpresi mentre tentano di portare o contrabbandare telefoni in prigione.

Scorri verso il basso per il video.

Il rapper Drill ‘Snoee Badman’ ha usato un telefono della prigione di contrabbando e i social media per far crescere un pubblico per i suoi rap mentre era dietro le sbarre.

L'ex wakeboarder Kyle Richardson aveva usato un telefono cellulare di contrabbando per condividere i balli di TikTok con il mondo esterno dopo essere stato incarcerato a seguito di un incidente d'auto che aveva gravemente ferito la sua ragazza di 18 anni nel 2020.

L’ex wakeboarder Kyle Richardson aveva usato un telefono cellulare di contrabbando per condividere i balli di TikTok con il mondo esterno dopo essere stato incarcerato a seguito di un incidente d’auto che aveva gravemente ferito la sua ragazza di 18 anni nel 2020.

Il Daily Telegraph ha riportato che il prigioniero Kyle Richardson, che si è soprannominato il “principe di Parklea”, ha accumulato migliaia di follower su TikTok pubblicando video di se stesso che balla sui prati della sua prigione.

Kyle Richardson non ha cercato di nascondere la sua identità o ciò che lo circonda nei suoi video virali, con il suo cellulare, l’uniforme, i tatuaggi e il viso visibili.

Il prigioniero ha accumulato circa 11.000 follower in poco tempo con i suoi video che sono apparsi su centinaia di migliaia di schermi telefonici.

Durante la sua permanenza in carcere è stato attivo anche in altri account sui social network.

Il suo account è stato ora cancellato dopo che i servizi correttivi del NSW hanno confermato che i video erano a loro noti.

Uno dei suoi video aveva la didascalia: “Quando vedi i tuoi amici festeggiare tirando 10 ma tu te ne vai per un po’ (sic)”.

Il 21enne si è “allontanato” per un incidente ad alta velocità alimentato da MDMA sulla M1 di Sydney che ha ferito gravemente la sua ragazza di 18 anni nel 2020.

La condivisione di TikTok balla sul green e nella sua cella di prigione ha guadagnato a Kyle Richardson migliaia di follower sui social media, ma i suoi account ora sono spariti

La condivisione di TikTok balla sul green e nella sua cella di prigione ha guadagnato a Kyle Richardson migliaia di follower sui social media, ma i suoi account ora sono spariti

Nella sua cella (nella foto), Snoee Badman ha utilizzato app di registrazione vocale e TikTok per produrre e condividere i suoi rap

Nella sua cella (nella foto), Snoee Badman ha utilizzato app di registrazione vocale e TikTok per produrre e condividere i suoi rap

L’ex detenuto e rapper Snoee Badman ha usato un cellulare di contrabbando per filmarsi mentre rappava all’interno della sua cella di prigione.

Uno dei video di allenamento del rapper, che lo mostra mentre si esibisce in una cella a Long Bay, ha raggiunto più di 62.000 visualizzazioni su TikTok.

Un altro intitolato “Bar dietro le sbarre” ha 42.000 visualizzazioni.

Parlando a un podcast, il rapper ha detto di aver avuto diversi telefoni durante i suoi “mattoni” – una pena detentiva di 10 anni – e ha utilizzato un’app di registrazione vocale per registrare un intero album rap di allenamento.

I cani e le squadre di ricerca vengono addestrati a fiutare i cellulari prima che un detenuto entri in prigione, ma molti finiscono ancora nelle mani dei detenuti.

I telefoni di contrabbando più piccoli vengono spesso introdotti clandestinamente nelle carceri del retto, ha detto una fonte carceraria.

La presenza di telefoni cellulari nelle carceri di tutta l’Australia mette a rischio le forze dell’ordine, consente ai criminali di comunicare e condurre operazioni illegali da dietro le sbarre e di influenzare i giovani del paese online.

Correctional Services NSW ha testato i bloccanti del segnale dei telefoni cellulari presso i centri di correzione di Lithgow e Goulburn e continua a indagare sul modo migliore per impedire ai telefoni di entrare nella prigione.

“I servizi correttivi del NSW adottano un approccio di tolleranza zero al contrabbando ed è in prima linea nello sviluppo e nell’implementazione di tecnologie per combattere le straordinarie lunghezze a cui i prigionieri vanno incontro per contrabbandare telefoni cellulari di contrabbando”, ha affermato una portavoce dei servizi correttivi.

Il ministro per le correzioni ombra del NSW Tara Moriarty ha affermato che sono necessarie più prigioni per introdurre la tecnologia di blocco dei telefoni cellulari.

“È ridicolo che non sia già stato ampliato”, ha detto al Saturday Telegraph.

“Una cosa è realizzare video sui social media, ma cos’altro stanno facendo con questi telefoni”.

Leave a Comment