Il cattivo stato delle strade nazionali condiziona lo sviluppo del turismo nel Paese

QCOSTARICA – La mancata manutenzione degli ultimi due anni e l’impatto della stagione delle piogge hanno messo in una situazione critica lo stato delle strade nazionali, che incide negativamente sull’attività turistica del Paese, secondo il settore delle imprese turistiche.

Il piano di manutenzione stradale non esiste da più di due anni

Inoltre, secondo l’Asociación Costarricense de Geotecnia (Associazione Geotecnica del Costa Rica), ci sono cinque autostrade nazionali, di grande importanza per il turismo del Paese, che presentano un rischio maggiore di frane.

“Lo stato delle infrastrutture stradali è un’emergenza nazionale e riguarda i servizi legati al turismo”, afferma Roger Sans, presidente della Camera del turismo e del commercio dei Caraibi meridionali.

– Pubblicità –

“L’aumento dei tempi di percorrenza, sia per i visitatori che per la distribuzione di prodotti e servizi in queste aree, non si è riflesso nell’aumento degli investimenti pubblici per il miglioramento delle strade. In passato, le affermazioni avanzate sia dai governi locali che dalle organizzazioni comunitarie e private non sono state affrontate e ciò ha causato un deficit infrastrutturale su larga scala”, ha affermato Sans.

Per saperne di più: Una possibile soluzione a breve termine per la costruzione e la manutenzione dell’infrastruttura autostradale del Costa Rica

Il completamento della Ruta 32 e le preoccupazioni in corso dovute alle frane nell’area di Zurquí, nonché la situazione dei ponti di accesso di Ruta 36 e Ruta 256, sono tra le principali preoccupazioni nell’area dei Caraibi, secondo Sans.

Allo stesso modo, la sicurezza, legata alla manutenzione delle infrastrutture stradali e dei suoi dintorni, è di vitale importanza affinché i visitatori non debbano temere quando viaggiano verso destinazioni diverse, secondo Arnoldo Beeche, vicepresidente della Camera degli hotel della Costa Rika (CCH ). . .

“Quando i turisti scelgono dove riposare, una parte importante per loro è la sicurezza, che va dalle rapine alla sicurezza stradale, quindi le infrastrutture stradali del Paese devono essere ben gestite e in perfette condizioni affinché il turista si senta a proprio agio, soprattutto ora che i visitatori noleggiano un veicolo e viaggiare attraverso il paese in diverse aree, la sicurezza stradale è sempre molto importante per il turista che ci visita”, ha affermato Beech.

Per evitare che i turisti subiscano “un calvario” voltandosi, è fondamentale che le autorità nazionali prestino immediata attenzione a situazioni come frane sulla Ruta 32 o sprofondamenti (come al km 44) come sulla Ruta 27, ritiene Beeche.

– Pubblicità –

Inoltre, bisogna dare una soluzione ai progetti stradali che sono in ritardo perché i concessionari li paralizzano, come i 20-30 anni di attesa per le autostrade per San Carlos e Monteverde, due grandi aree turistiche.

“L’attenzione e il miglioramento delle strade, anche con nuovi progetti, è una questione che deve essere analizzata in modo più regionale”, afferma Hernán Imhoff, presidente della Camera di Commercio e Turismo di Tamarindo.

E questo è che, nonostante il fatto che negli ultimi anni la provincia di Guanacaste abbia ricevuto importanti investimenti in infrastrutture stradali in alcuni dei suoi cantoni, ciò non significa che siano sufficienti, secondo l’imprenditore.

“Il risultato può essere molto vantaggioso per il settore dei servizi, in particolare per il turismo della comunità rurale, la generazione di sviluppo economico si trova nell’accesso alle comunità rurali di Guanacaste come nuova destinazione turistica, soprattutto dopo il Covid”, ha affermato Imhoff.

– Pubblicità –

Allo stesso modo, una buona connettività stradale per accedere alle comunità rurali del paese andrebbe a vantaggio dei turisti a lungo termine che scelgono il Costa Rica per godere dei vantaggi della legge sui nomadi digitali.

Nel frattempo, i rappresentanti delle imprese del settore turistico si aspettano una risposta positiva agli investimenti in infrastrutture stradali, sia dal governo centrale che dai legislatori, poiché molte delle risorse per il Ministero dei Lavori Pubblici e dei Trasporti (MOPT) provengono dall’Assemblea Legislativa.

Allo stesso modo, i governi locali dovrebbero anche effettuare gli investimenti necessari nella manutenzione delle strade cantonali, in particolare nelle zone rurali e costiere, dove è mobilitato un gran numero di visitatori locali e stranieri.

Nella Repubblica

– Pubblicità –

Leave a Comment