L’Oréal affronterà Skinbetter Science – WWD


PARIGI – L’Oréal ha dichiarato di aver firmato un accordo per acquisire Skinbetter Science, un marchio di prodotti per la cura della pelle distribuito da medici con sede negli Stati Uniti.

I termini finanziari non sono stati resi noti.

Secondo il colosso francese della bellezza, Skinbetter Science è tra i marchi di cura della pelle medica in più rapida crescita nel paese. Con sede in Arizona, l’azienda è stata co-fondata nel 2016 dai professionisti dell’industria farmaceutica Jonah Shacknai, Justin Smith e Seth Rodner.

La cura della pelle è oggi la categoria di bellezza più in voga, grazie in parte alla pandemia di coronavirus, che ha intensificato la ricerca di cura di sé da parte dei consumatori.

Si prevede che il mercato globale della cura della pelle genererà un fatturato di 131 miliardi di dollari quest’anno, secondo Future Market Insights, che prevede che il segmento si svilupperà rapidamente, con una crescita annuale composta dell’8,1% nel periodo 2022-2032, per raggiungere 230,21 miliardi di dollari.

I prodotti Skinbetter Science contengono principi attivi con benefici anti-età, idratanti, detergenti, esfolianti, per la pelle e per la protezione solare. Sono venduti principalmente attraverso una rete di dermatologi, chirurghi plastici e pratiche mediche estetiche da un team di vendita medica.

Skinbetter Science ha generato vendite per quasi 95 milioni di dollari nei 12 mesi terminati il ​​31 agosto.

Il management dell’azienda rimarrà e Skinbetter Science sarà integrato in L’Oréal sotto Christina Fair, presidente della divisione Active Cosmetics di L’Oréal USA.

“Skinbetter Science è un complemento perfetto al portafoglio di marchi della divisione Active Cosmetics”, ha affermato Myriam Cohen-Welgryn, presidente mondiale della divisione Active Cosmetics di L’Oréal, in una dichiarazione rilasciata venerdì mattina. “Contribuirà notevolmente alla missione a lungo termine della divisione L’Oréal Active Cosmetics di immaginare salute e bellezza con innovazioni avanzate per la cura della pelle basate sulla scienza. Sono convinto che questo marchio americano in forte crescita abbia un grande potenziale internazionale”.

David Greenberg, amministratore delegato di L’Oréal USA e presidente dell’area nordamericana, ha dichiarato: “Sono fiducioso che il marchio rafforzerà la nostra attività di bellezza dermatologica in Nord America, un’area che riteniamo abbia un potenziale di crescita dinamico. Insieme, con Christina Fair e la nostra divisione cosmetici attivi, vediamo un’opportunità per attingere alla forza del fantastico team dietro il marchio e rafforzare il rapporto di fiducia che hanno costruito con i loro partner sanitari professionali per portare questa parte della nostra attività a un livello superiore. ”

La chiusura dell’accordo dovrebbe avvenire all’inizio del quarto trimestre di quest’anno.

La divisione Active Cosmetics di L’Oréal è stata la divisione in più rapida crescita del gruppo nel secondo trimestre e nella prima metà di quest’anno. Nei tre mesi terminati il ​​30 giugno, i ricavi della divisione sono aumentati del 33,9% su base riportata e del 23,8% su base omogenea.

Nei primi sei mesi del 2022, le vendite della divisione Active Cosmetics hanno raggiunto i 2,54 miliardi di euro, con un aumento del 28% in termini riportati e del 20,9% in termini omogenei.

L’Oréal ha affermato che in questo periodo la divisione è cresciuta molto più velocemente del mercato dei dermocosmetici. La società ha pubblicizzato una performance “eccezionale” in Nord America, Europa e Sud Pacifico, Medio Oriente, Nord Africa, Africa subsahariana o SAPMENA-SSA.

L’Oréal ha una comprovata esperienza di marchi di prodotti per la cura della pelle in crescita supportati da dermatologi.

CeraVe è un ottimo esempio. La società ha acquisito il marchio creato da derm con sede negli Stati Uniti nel 2017. All’epoca, CeraVe ha generato un fatturato annuo stimato di circa $ 140 milioni. Oggi le sue vendite hanno superato la soglia di 1 miliardo di dollari.

Leave a Comment